LUNGI DA ME #1

Lungi-da-me-01-7

É con orgoglio che presentiamo la nuova fatica di Edizioni Fuoco Su Carta: esce il numero UNO di Lungi Da Me, fanzine libera e accidentalmente punk. 131 pagine di articoli, fumetti, racconti, poesie, autoproduzioni, storie. Schegge di vita raccolte con cura.

«Questa pagina, infatti, è il tentativo di viaggio di tanti me; nel momento in cui sono stati scritti non mi appartenevano più, nel momento in cui partono sono già lontani da me… Rivogliamo i due pescatori – la cultura dominante dell’individualismo e della chiusura non fa solo vittime uccidendo e affamando per lo sfruttamento delle risorse, ma miete anche intorno a noi un esercito di altri tipi di vittime: vittime del sentirsi in una prigione anche quando si è a piede libero Il Signor Mazzo – una vita sprecata per godere della mia villa e adesso mi accorgo che è stato tutto tempo perso, ho buttato via 40 anni per un preservativo tra i miei pomodori Anno Zero – quindi ora abbiamo una mente ed un diario. Sembrerebbe un equipaggiamento più da poeta che da contadino, ma fidatevi, funzionerà Quale domani, quale futuro? – come un termometro guasto, che rimane fisso all’ultima temperatura, un orologio senza batterie all’ultimo secondo segnato Flux of Dogs – tramite il punk feci il vuoto dentro di me, creando spazio e possibilità d’azione per poter continuare a ‘costruire’ i miei sogni Non chiederai scusa – In te abitano le stesse potenze oscure che abitano la terra. Accoglile, rivendicale e questo è ciò che farai da oggi con superba dignità Da 1916 a 2016 – Nella mia testa baluginavano, oltre agli psicofarmaci, una meteora di immagini e ricordi, e ho cominciato nuovamente a mettere sullo stesso piano il reale e l’immaginario Apatia – le caviglie si storcono, le ginocchia si sbucciano, le mani si graffiano, non è altro che un pezzo di carne buttato nel mondo Ricette dal Caos – abbiamo modificato il tempo, per avere la libertà di comprare fragole a capodanno e merendine impacchettate! Un colpo di sterzo al palo tredici – Io non credo che sia il destino a regalarci queste sciagure. Io credo che sia questa società, questo ordinamento di cose che prevede lo sfruttamento di un uomo per farne arricchire un altro, che ci condanna ad una vita di miseria e tribolazioni La proprietà dei nostri corpi – l’atteggiamento paternalista delle persone che sostengono che le donne siano sempre vittime e gli uomini sempre carnefici non è realistico e mina la libertà di tutt* Forse oggi sarei vivo – oppure era destino che non dovessi subire altre umiliazioni Fuori dal coro dei migliori – hanno insegnato a un’intera generazione che è giusto solo vincere, essere i migliori a ogni costo e pisciare sulle teste di tutti gli altri (ovviamente chiedendo prima il permesso) Pensieri un po’ Beat – non mi sentivo piú un burattino di questa macchina infernale che è la societá, il grande Moloch! Cosa farai, pazzo, senza il tuo vino in mano? – Si, io sono un vecchio pazzo ubriaco, io rido di tutti voi e rido anche di me, sciagurato, perché sono solo a vedere la nudità del mondo e non mi è rimasta nemmeno la bottiglia in mano A Massi – e mi fece un broncio di noia e mi chiese se almeno mi andava di tirare un pò di eroina con lui. Sai, come si offre una sigaretta Fiori di stoffa e oro di plastica – a sei anni dalla prima volta, Mosca continua ad essere, ai nostri occhi, spietatamente grande, volgarmente mastodontica».

Cosa centra questo con una fanzine punk? Non ne ho idea!

Ancora una volta abbiamo scelto l’offerta libera come metodo di scambio. Perchè ci fa strano dare un valore in moneta ad una cosa così importante per noi, perchè vogliamo mettere di fronte a questa perplessità chi si trova la fanzine tra le mani, perchè la sfida del numero zero è stata colta e supportata alla grande da molte più individualità di quelle che ci aspettavamo.

Se volete organizzare una presentazione, distribuire o ordinare anche solo una copia scrivete alla mail dei contatti. Vorremmo, col tempo, creare una rete di distribuzione in tutta Italia, prevalendo infoshop, posti occupati, luoghi autogestiti, distribuzioni e librerie indipendenti e biblioteche libertarie. Chiunque volesse aiutarci in questa direzione è il benvenuto. Chiudiamo ricordando che da OGGI si comincia a raccogliere materiale per il numero DUE. Vi aspettiamo!

>>>> DOWNLOAD LUNGIDAME N.1 <<<<

D.I.Wild #2

D.I.Wild2

D.I.Wild n.2 laboratori, autoproduzioni e arti selvagge

 PROGRAMMA DOMENICA 10 APRILE 2016

9:00COLAZIONE

Chi arriva per tempo troverà una bella tavola imbandita per fare colazione. Offre VillaPunk!

10:00Costruzione Essiccatoio

Cominciamo i laboratori con la costruzione di un essiccatoio a energia solare. Seguiremo un progetto semplice in modo da poterlo costruire in 2/3 ore. L’essiccazione naturale è una tecnica antichissima di conservazione del cibo che sta piano piano scomparendo, il sole invece è sempre lassù e non chiede la bolletta, usiamolo!

Laboratorio a cura di:
[VillaPunk]

—————————-

10:00 LAB. FUSIONE METALLI

In contemporanea accenderemo una fornace che abbiamo costruito negli scorsi giorni. L’obbiettivo è fondere alluminio proveniente da scarti quotidiani e, se riusciamo a raggiungere temperature più elevate, anche il rame. Come matrice useremo la sabbia e l’argilla. Spazio alla fantasia.

Laboratorio a cura di:
[Carlito EveryGood da ViaSerlio]

—————————-

13:00 PRANZO – MEXICAN FOOD

In mattinata comincerà anche il laboratorio di cucina messicana. Insieme a Matt prepareremo tacos vegetariani e vagani, chi vuole è invitato a darci una mano e imparare dal nostro chef di Seattle i segreti della cucina messicana! Il menù sarà a base di Tacos Veg: tortillas di farina bio di mais (Masa Harina) con guacamole, fagioli, seitan, formaggio veg, patate americane e peperoncini chilopote.

—————————-

14:00OLEOLITI E TECNICHE DI MACERAZIONE

La macerazione è la semplice tecnica che permette di estrarre i principi attivi di una pianta per mezzo di un liquido-solvente. Gli ingredienti sono la droga scelta secondo la stagione, il solvente ed il tempo di posa (dalla macerazione, infatti, non otterremo un prodotto immediatamente pronto all’uso). Nel corso di questo breve laboratorio parleremo di tre tecniche di macerazione e realizzeremo un macerato per il consumo alimentare, un liquore, e sceglieremo oli e piante adatte alla cosmesi realizzando un oleolito.

Laboratorio a cura di:
[Ricette dal Caos di Lara&Memo]

—————————-

15:30LAB. SAPONIFICAZIONE

Re-Action Lab è un piccolo progetto di autoproduzone di saponi e fitocosmetici, che nasce da una scelta individuale, quella di non usare cose prodotte da industrie farmaceutiche e cosmetiche. Re-Action sta per le reazioni chimiche dei composti, ma soprattutto per segnalare la natura politica che c’è dietro il progetto, lo scopo è di offrire un’ alternativa sostenibile ai prodotti che si trovano facilmente in commercio (testati su animali, tossici per il corpo e inquinanti). Per quello che riguarda le materie prime dei fitocosmetici, sono tutte di origine organica e “biologica” le acquisto/baratto da altri autoproduttori che le trasformano. Il sapone che farò domenica è un sapone molto semplice che tutti possono riprodursi a casa con oli facilmente reperibili; porterò tutto l’ occorrente che serve a farlo e del materiale informativo per chi voglia con il procedimento e altre info!

Laboratorio a cura di:
[Anastasia di ReAction Lab]

—————————

16:00LAB. XILOGRAFIA E RILEGATURA

Attraverso la stampa di matrici di legno o linoleum, monotipi e timbri, verranno realizzate delle copertine con cui saranno creati dei libri. Verranno illustrate due tipi di legature, l’antica legatura copta e i diversi tipi di legatura giapponese. Alla fine del workshop, ogni partecipante avrà con sé due libri da portare a casa per uso personale. La stampa delle copertine avverrà realizzando insieme le matrici, incidendole e poi stampandole per mezzo della stampa a cucchiaio o con l’uso di un torchio calcografico che metteremo a disposizione durante il workshop.

Laboratorio a cura di:
[Erika e Leila]

—————————-

16:30LAB. ARTIGIANATO LAVORAZIONE METALLI

Dimostrazione pratica di una tecnica di lavorazione dei metalli poveri; gli strumenti utilizzati sono pinze e martelletto, pietre naturali e metalli poveri come ad esempio rame, ottone, alluminio o alpaca. è una delle tecniche per lavorare i metalli che ho avuto la fortuna di imparare, prima, e dopo di mettere in pratica viaggiando. Ho avuto modo di vivere di questo, di essere indipendente e autonoma nella gestione di quello che è diventato il mio “lavoro”, del contatto con le persone e col gestirmi la mia libertà, scegliere singolarmente ogni pietra che volevo lavorare e darle un valore.

Laboratorio a cura di:
[Rossella]

—————————-

18:00LAB. SERIGRAFIA

Saranno presenti due bracci serigrafici autoprodotti dove poter stampare borsette con le grafiche del D.I.Wild. Se vuoi porta una maglia da stampare!

Laboratorio a cura di:
[InkLab Stella Nera – NuclearInk]

—————————-

19:00CONCERTO ACUSTICO

Rawshout (Rock’n’roll da Sassuolo)

20:00CHIUSURA LABORATORI

—————————-

20:30PIZZA CON FORNO A LEGNA

Sforneremo pizze fatte con ingredienti bio e lievitate lentamente con pasta madre, cotte nel forno a legna autocostruito con terra cruda durante il D.I.Wild del 2014.

—————————-

EXTRA

LAB. WALL PAINTING
Sarà a disposizione un muro e diverse porte scardinate da dipingere, porta vernici se ne hai!

—————————-
—————————-

>>>>>FAQ<<<<<

Cos’è “D.I.Wild”?
D.I.Wild è un’iniziativa nata spontaneamente. Una voglia di condividere esperienze, tecniche, saperi. E’ una giornata di laboratori-workshop-spiegazioni-dimostrazioni-birrefredde-cibobuono-manisporche-condivisione-pratiche libertarie-libertà-diy.

Quanto costano i workshop? Mi devo iscrivere?

I laboratori sono gratuiti e senza iscrizione.

Dov’è VillaPunk? Cos’è VillaPunk?
VillaPunk è una casa di campagna. Non è nè un Centro Sociale nè uno Squat. Ma è un luogo, o meglio, uno spazio dove ci piace sperimentare cose nuove. Dove cerchiamo di mettere in pratica esperienze di autogestione pregresse. VillaPunk sta vicino a CastelfrancoEmilia. Non è questo il mezzo per diffonderne l’indirizzo. Molta gente negli anni è passata di qui e sa come arrivarci, ma nel caso tu venissi per la prima volta, manda un’email o chiama per sapere le indicazioni. Arrivarci è facile!

Come si svolgono questi Laboratori?
I ragazz* coinvolti che seguiranno questi laboratori non sono insegnanti. Non aspettarti corsi avanzati con tavolate e materiali infiniti. Chi seguirà i laboratori metterà a disposizione quello che può per rendere il workshop il più funzionale possibile. Ogni Laboratorio avrà un proprio orario (da una a tre ore massimo) per poter permettere a tutti gli interessati di partecipare e sopratutto condividere esperienze e nozioni. Se sei pratico di qualcosa e vuoi proporre “cose tue”, porta materiali/attrezzi e vedrai che ogni laboratorio sarà migliore.

Posso proporre anche io qualcosa? Posso portare mie autoproduzioni da vendere?
Puoi proporre le tue autoproduzioni in uno spirito di collettivismo delle tecniche. Questa iniziativa non è una fiera, nè un mercato. Non vogliamo gente che siede aspettando di vendere “merce”. Quindi porta pure le tue autoproduzioni (anche un tavolino se riesci) e preparati qualcosa che spieghi a tutti quello che fai. Se poi vuoi proporti per un Workshop scrivici e vediamo se riusciamo ad organizzare qualcosa insieme.

Si mangia? Si beve? Si cena? Ci si ubriaca?
Provvederemo a riempire frigo di birre decenti e Acqua per tutti. Il pranzo sarà curato da Mat con cui faremo insieme tortillas e ripieni piccanti per tacos squisiti, mentre per cena ci saranno pizze vegetariane e vegane cotte nel nostro forno a legna. I prezzi del bar saranno comunque bassi e sono di autofinanziamento per l’iniziativa e, si spera, per iniziative future, quindi il bere non portartelo da casa, ci pensiamo noi!

——————————————————–

Per altre info scrivi alla mail del volantino. Per sapere l’indirizzo chiama il numero sul volantino

PARTECIPA E DIFFONDI

LUNGI DA ME #0

LDM-4

Dopo un anno di silenzio (solo virtuale), ritorno ad aggiornare il blog con una bella novità: l’uscita della prima fanzine cartacea a cura Nuclear Chaos, “Lungi Da Me“. 90 Pagine di articoli, auoproduzioni, interviste, fumetti…Edizioni Fuoco Su Carta è un esperimento in corso d’opera, l’apertura a materiale cartaceo, un ritorno alle origini, alla vecchia scuola.

Lungi da me i vecchi pidocchi! La linea rossa è una cosa seria  Rivogliamo i due pescatori – quando si affronta un gigante è molto difficile colpirlo in testa, ma anche se sono molto robuste si può puntare alle gambe Tempo – non posso credere che in tutti questi anni la tua espressione non sia mai cambiata, come un immobile statua di marmo alle intemperie, non posso crederci perchè so di essere carne, ossa, sangue, e che le intemperie mi plasmano inevitabilmente Storia, storie e Natura – appoggiatevi ad una pietra antica, incisa, alta ed imponente nella bruma mattutina. La risposta di cosa fare e come agire verrà da lì, dal sottilissimo legame che quella pietra immersa nel terreno mantiene con la Storia, le storie e la natura che ha visto e vissuto Diari dal Cassonetto – se adempiuti i primi due comandamenti del “produrre” e del “consumare” non mi rimane altro che “crepare!”, con il punto esclamativo alla fine, a 30 anni che prospettive ho per la mia vita? Ricette dal Caos – dal caos urbano, la città, dove vivo con Memo, senza una campagna aperta, ne un orto ne un giardino a disposizione Si chiama moda – vedi di farti accettare per quello che sei e non per le sembianze da punk che hai assunto Gli ultimi giorni di un’estate indonesiana – il D.i.y qui è vissuto e condiviso in una maniera che mai ho trovato in occidente, ne rimango davvero stupito. Mike mi spiega l’approccio dei Marjinal al punk, un misto di militanza, propaganda, primitivismo Kalashnikov Collective – nel nostro disco non c’è solo il grigio, ma c’è anche quello che nella vita di città è gioioso: la libera occupazione degli spazi, l’approccio psico-geografico che è una sorta di reinterpretazione creativa degli spazi metropolitani, un cambio di senso dei non-luoghi, un modo poetico di vivere la strada, la micro-geografia urbana Storia Banale – poi l’hanno preso…Dove scappi con una faccia così? Per fermarlo chiamarono una squadra speciale: una guardia svizzera, un ex-legionario, una testa di cuoio e un celerino IntotheBaobab – La questione è solo scegliere una priorità, trovare il proprio canale in cui immettere energia

Cosa centra questo con una fanzine punk? Non ne ho idea!

La fanzine non ha prezzo, è distribuita a offerta libera ma ha avuto ovviamente dei costi di produzione, quindi possiamo darle ad infoshop-distro-librerie in cotovendita libero oppure a 2.5€ a copia.

Ah già…scambi graditi!

<<<<<<< DOWNLOAD LUNGIDAME N.0 >>>>>>>

LDM-3