Ricordando Massimiliano Chiamenti

Linkiamo un bellissimo articolo di Laura Spataro, scritto immediatamente dopo la presentazione di LungiDaMe dello scorso 25 Maggio a Xm24 – Bologna. L’articolo è stato pubblicato da GESAMTKUNSTWERK 

[…] Ma per quanto fossero belle, le poesie di Massi non sempre hanno superato il vaglio dell’editoria mainstream. C’hanno pensato gli amici a distribuirle, inserendole in una fanzine indipendente, “Lungi da Me”, che si definisce “libera e accidentalmente punk”, come d’altronde era Massi. Sono pagine ricche, in cui c’è spazio per qualsiasi forma di subcultura, persino per le parole scabrose e sboccate di un dantista che guardava il sole levarsi da dietro le casse di un rave illegale. Modi è uno dei ragazzi impegnati nel progetto. Sfogliando la fanzine, c’ho trovato Massi e molto altro ancora: disegni, fotografie, canzoni, racconti, reportage. Io comunque Massi non lo conoscevo – ripeto – ma ho avuto come la sensazione che se gli fosse capitata tra le mani avrebbe detto “spacca!”. […]

RICORDANDO MASSI

Nuclear Chaos Story Part.1 (2003-2005)

Nuclear Chaos Records è un’etichetta Punk, ma non solo.

Era l’estate del 2003 ed era da un po’ di tempo che sentivo sempre di più l’esigenza di allontanarmi dalle campagne modenesi, da quei posti tristi dove non succedeva mai un cazzo. Lì vicino a Bazzano c’era un folto gruppo di punk che organizzava concerti, erano stati loro a passarmi i primi dischi dei GBH e degli Exploited, giocavamo a basket insieme qualche anno prima. Ed è stato proprio a Bazzano Ribelle, una di queste feste organizzate in un campetto sportivo (che in seguito occuparono e autogestirono per qualche tempo), che conobbi Marco, era di Casalecchio, cantava in un gruppo di ragazzi giovanissimi come me, gli Ed. Dopo quel concerto ci siam tenuti sempre più in contatto fino a decidere insieme di creare un’etichetta. Non so di preciso a chi sia venuta l’idea del nome. Credo fosse stato durante un viaggio in treno, stavamo andando a vedere i Poison Idea al 4Fun a Bellaria. Ricordo solo che qualcuno propose Rovina, qualcun’altro NuclearChaos. Facciamo una compilation, facciamo le toppe, facciamo uscire i dischi dei nostri gruppi e quelli dei nostri amici. Bella storia, partiamo dalla compilation, eravamo io, Gabri e Marco. Io avevo già diversi contatti, ero piccino e non avevo girato molto l’italia ma era almeno un’anno che scambiavo cd masterizzati e ordinavo fanzine su internet. Così nel giro di poche settimane io avevo già disegnato il logo della distro e raccolto decine di pezzi per la compilation. L’idea era quella di non fare una compilation di genere, non ce ne fregava un cazzo del genere, bastava fossero gruppi autoprodotti. Vennero fuori 2 CD, 29 gruppi (!!!) tra cui: sumo, contrasto, l’amico di martucci, ed, free apn combo, hobophobic, same direction, grandine, ingiuria, cimex, twine baskets, nowhiterag, carogna, fct, disprezzo, born sick…”C’è chi di indifferenza muore” lo decisi io, lo presi da “Sezionati Vivi” dei Wretched.  Vado da Kava alla sua tipografia a Modena, ci stampa le copertine e comincia a spargere la voce tra i punk di Modena che sta uscendo questa compilation. Non ricordo bene cosa successe in seguito, mi ricordo tutto come una grande sbronza…mi ricordo bene la passione con cui abbiamo passato intere giornate a piegare le copertine, scambiarle, venderle anche a scuola e un anno dopo avevamo messo insieme una distro di tutto rispetto con un sacco di roba, fanzine, 7″, cd, vinili…Le prime uscite in cdr datate 2003/2005 furono:

  • V/A C’è chi di indifferenza muore Vol.1 (2CD, 29 gruppi)
  • Ed “Possibilità deviate”
  • NoWhiteRag “Fucking Noise”
  • Esclusi “Attanagliati”

[…continua]

Up the punx