LUNGI DA ME #1

Lungi-da-me-01-7

É con orgoglio che presentiamo la nuova fatica di Edizioni Fuoco Su Carta: esce il numero UNO di Lungi Da Me, fanzine libera e accidentalmente punk. 131 pagine di articoli, fumetti, racconti, poesie, autoproduzioni, storie. Schegge di vita raccolte con cura.

«Questa pagina, infatti, è il tentativo di viaggio di tanti me; nel momento in cui sono stati scritti non mi appartenevano più, nel momento in cui partono sono già lontani da me… Rivogliamo i due pescatori – la cultura dominante dell’individualismo e della chiusura non fa solo vittime uccidendo e affamando per lo sfruttamento delle risorse, ma miete anche intorno a noi un esercito di altri tipi di vittime: vittime del sentirsi in una prigione anche quando si è a piede libero Il Signor Mazzo – una vita sprecata per godere della mia villa e adesso mi accorgo che è stato tutto tempo perso, ho buttato via 40 anni per un preservativo tra i miei pomodori Anno Zero – quindi ora abbiamo una mente ed un diario. Sembrerebbe un equipaggiamento più da poeta che da contadino, ma fidatevi, funzionerà Quale domani, quale futuro? – come un termometro guasto, che rimane fisso all’ultima temperatura, un orologio senza batterie all’ultimo secondo segnato Flux of Dogs – tramite il punk feci il vuoto dentro di me, creando spazio e possibilità d’azione per poter continuare a ‘costruire’ i miei sogni Non chiederai scusa – In te abitano le stesse potenze oscure che abitano la terra. Accoglile, rivendicale e questo è ciò che farai da oggi con superba dignità Da 1916 a 2016 – Nella mia testa baluginavano, oltre agli psicofarmaci, una meteora di immagini e ricordi, e ho cominciato nuovamente a mettere sullo stesso piano il reale e l’immaginario Apatia – le caviglie si storcono, le ginocchia si sbucciano, le mani si graffiano, non è altro che un pezzo di carne buttato nel mondo Ricette dal Caos – abbiamo modificato il tempo, per avere la libertà di comprare fragole a capodanno e merendine impacchettate! Un colpo di sterzo al palo tredici – Io non credo che sia il destino a regalarci queste sciagure. Io credo che sia questa società, questo ordinamento di cose che prevede lo sfruttamento di un uomo per farne arricchire un altro, che ci condanna ad una vita di miseria e tribolazioni La proprietà dei nostri corpi – l’atteggiamento paternalista delle persone che sostengono che le donne siano sempre vittime e gli uomini sempre carnefici non è realistico e mina la libertà di tutt* Forse oggi sarei vivo – oppure era destino che non dovessi subire altre umiliazioni Fuori dal coro dei migliori – hanno insegnato a un’intera generazione che è giusto solo vincere, essere i migliori a ogni costo e pisciare sulle teste di tutti gli altri (ovviamente chiedendo prima il permesso) Pensieri un po’ Beat – non mi sentivo piú un burattino di questa macchina infernale che è la societá, il grande Moloch! Cosa farai, pazzo, senza il tuo vino in mano? – Si, io sono un vecchio pazzo ubriaco, io rido di tutti voi e rido anche di me, sciagurato, perché sono solo a vedere la nudità del mondo e non mi è rimasta nemmeno la bottiglia in mano A Massi – e mi fece un broncio di noia e mi chiese se almeno mi andava di tirare un pò di eroina con lui. Sai, come si offre una sigaretta Fiori di stoffa e oro di plastica – a sei anni dalla prima volta, Mosca continua ad essere, ai nostri occhi, spietatamente grande, volgarmente mastodontica».

Cosa centra questo con una fanzine punk? Non ne ho idea!

Ancora una volta abbiamo scelto l’offerta libera come metodo di scambio. Perchè ci fa strano dare un valore in moneta ad una cosa così importante per noi, perchè vogliamo mettere di fronte a questa perplessità chi si trova la fanzine tra le mani, perchè la sfida del numero zero è stata colta e supportata alla grande da molte più individualità di quelle che ci aspettavamo.

Se volete organizzare una presentazione, distribuire o ordinare anche solo una copia scrivete alla mail dei contatti. Vorremmo, col tempo, creare una rete di distribuzione in tutta Italia, prevalendo infoshop, posti occupati, luoghi autogestiti, distribuzioni e librerie indipendenti e biblioteche libertarie. Chiunque volesse aiutarci in questa direzione è il benvenuto. Chiudiamo ricordando che da OGGI si comincia a raccogliere materiale per il numero DUE. Vi aspettiamo!

>>>> DOWNLOAD LUNGIDAME N.1 <<<<

Diosfera Corporation // Blatoidea Interview

Come da due anni a questa parte nel periodo natalizio mi ritrovo a bere Sidro per Londra, nel 2011 seguivo IntotheBaobab e 9/11Jumpers nel loro minitour rinominato “Looking for Grug Uk Minitour” (recensito da Modi). Quest’anno ero in trasferta con la mia dolce metà Antonella per vedere i Pogues e scoccare letti caldi e cene a italiani immigrati fra cui i Blatoidea, vecchi amici siculi. Da qui l’idea di fargli un’intervista. NuclearChaos aveva coprodotto e promosso con entusiasmo il cd “Diosfera Corporation” nel 2008 e sta coproducendo il nuovo cd dei Blatoidea

blato

Blatoidea 2013: Carlo (guitar), Manu (voice/guitar), Giacco (Bass), Luke (drums)

Come è nato il progetto Diosfera, come si è evoluto?

[Manu] Il progetto diosfera e’ nato nel 2003 dove abbiamo ufficialmente scelto il nome, e si e’ diciamo evoluto nel 2005 con l’uscita del nostro primo demo “eternit”. E’ nato originariamente da me (Manu, chitarra voce), Stefano (voce) e Giulio (batteria) poi abbiamo avuto diversi bassisti temporanei e l’ ultimo e’ stato Antonio (Giacco) e Carlo (attualmente nei Blatoidea) ha suonato la chitarra con noi per un paio di mesi prima che ci sciogliessimo. Ai tempi, quando abbiamo iniziato, sinceramente non si pensava piu’ di tanto a formare un gruppo per registrare cd, andare in tour…avevamo un gruppo perche’ ci divertiva e questo a noi bastava. In seguito abbiamo cominciato a suonare sempre di piu’, prendere contatti, via internet ecc.. e iniziato a fare le nostre prime trasferte in giro per l’Italia e abbiamo registrato il nostro primo album omonimo nel 2008 dopodichè abbiamo fatto le nostre ultime trasferte e il progetto e’ finito.

balto02

Raccontate a chi sente la mancanza dei Diosfera Corporation perché l’avete fatta finita, sciolto gruppo e fatto le valige per Londra.

[Manu] Credo che le ragioni primarie del nostro scioglimento siano stati i problemi di comunicazione, l’allontanamento dal gruppo causato semplicemente da scelte diverse da parte dei vari componenti e credo decisamente il cambio di direzione dalla quale si era originariamente partiti. La nostra partenza a Londra ha poco a che vedere con tutto questo. Ai tempi dopo la fine dei Diosfera sentivamo il bisogno di continuare a suonare ed esibirci ma non volevamo stare in Italia. Cosi sono nati i Blatoidea e poco dopo aver inciso il nostro primo demo “Start an Infection” e fatto il nostro primo tour italiano abbiamo deciso di spostarci in Inghilterra.

[Giacco] Dopo gli ultimi anni che suonavamo non cera piu’ nulla da portare avanti, non c’erano piu’ idee, dopo aver abbandonato il progetto abbiamo di ricominciare qualcosa di completamente diverso. Migliore secondo noi. Abbiamo semplicemente deciso di cambiare aria, venendo dall’estremo sud veniva complicato per noi suonare anche in Italia.

Punx a Ragusa. Raccontateci qualcosa. Come è stato crescere in un luogo così isolato tra pregiudizi e mafiosi?

[Manu] Ma onestamente credo proprio  che il contesto ostile sia la ragione principale che fa scattare la scintilla in te e quello che ti da la spinta e la voglia di esprimere te stesso e tutto questo si rispecchiava nel punk e nella musica. Ragusa e una città piccola e di mentalità chiusa e come molte altre zone del sud influenzata fortemente dalla religione, passivismo…Quando avevo 14 anni nessuno ascoltava punk, non si trovava tanta roba nei negozi di cd, gli unici gruppi che conoscevo erano tramite compilation varie e non usavo neanche internet. Nessuno ascoltava punk e nessuno sapeva nemmeno cosa fosse un punk. Infatti ci hanno sempre discriminato in modo perseverante e assiduo. Quando uscivi dovevi prepararti perche’ potevi ritrovarti in qualche situazione del cazzo o comunque dovevi aspettarti le varie provocazioni e insulti..

diosfera

Diosfera Corporation

[Carlo] Penso che comunque, tutta questa ostilita’ ci ha diciamo sempre spinti a continuare ed è stato fonte di ispirazione che comunque ci accompagna anche tuttora.

[Giacco] A volte mi chiedo ancora come ci siamo avvicinati a questa cultura/modo di vivere dato che non c’era qualcosa o qualcuno da cui avremmo potuto ricavare ispirazione a parte la poca musica che avevamo a disposizione e dopo che manu mi ha fatto entrare nel gruppo (diosfera) e’ stata una crescita che ha anche contribuito ad espandere il tutto anche nella nostra piccola citta’…mafiosi non ne ho mai visti di persona! Solo tanta ignoranza…

Rapporti con la scena sicula? con che altri gruppi suonavate?

[Manu] Non so più adesso, ma ai tempi c’erano un bel po’ di gruppi in giro. I Dirty Breeders da Catania, gli Alibi da Palermo, gli Sheeps are not dead da Caltanissetta, i Senza Tregua da Palermo, i Learn da Palermo…poi non mi viene nessun altro in mente!

[Carlo] Penso che cmq quel poco di scena fosse concentrata piu’ nelle città grandi, forse per questo motivo i diosfera erano rispettati, perche’ provenivano da una città molto piu’ piccola, meno varia, che offriva meno opportunita’.

[Giacco] Non eravamo tanti…

Frequentavate posti occupati? 

[Giacco] le poste…

[Manu] Frequentavamo no, dato che a ragusa l’unico spazio che avevamo a disposizione era una chiesetta sconsacrata dove spesso organizzavamo concerti, ma poi fini anche quello. Ovviamente abbiamo suonato in posti occupati, sia in Sicilia che in Italia.

[Carlo] In Sicilia ci stavano l’Experia, il Laboratorio Zeta, l’Ex carcere, l’Ask…

Diosfera Corporation live @ La Scintilla a Modena (Night of the Punx 2008)

Diosfera Corporation live @ La Scintilla a Modena (Night of the Punx 2008)

In quegli anni avete suonato un po’ di volte sulla penisola, come vi è sembrato? Raccontateci un po’ che impressione vi ha fatto e che differenze avete notato sia nella gente che nei posti dove avete suonato.

[Carlo] Per me fantastico, in Italia gia’ si nota la differenza. C’era molta piu’ comunicazione, la gente conosceva piu’ gruppi c’era un vero confronto. Abbiamo cominciato a prendere contatti e fare amicizia con persone che ci accompagnano tuttora come i pubblico oltraggio, nowhiterag, intothebaobab…E tuttora il supporto che riceviamo e’ sempre vivo e entusiasmante.

[Manu] Per noi era tutto un impatto con una realtà diversa, tutto era nuovo e comunque era soddisfacente il fatto che la gente avesse un interesse anche lontanamente comune al nostro e che anche se eravamo distanti, la gente ci apprezzava. Prima di allora eravamo abituati solamente all’impatto con la piccola scena della nostra città.

[Giacco] Sono stati anni molto belli e importanti per il continuo del gruppo che nonostante sia finito sono rimasti i contatti e le amicizie. Ed era una realta’ molto diversa da dove venivamo noi, sotto molti punti di vista migliori, che dava molto da pensare.

Dalle ceneri dei Diosfera sono nati i Blatoidea. E’ un’evoluzione o un altro progetto completamente diverso? Parlateci un po’ del gruppo!

[Carlo] Bhe, il progetto blatoidea e’ un progetto molto vario che racchiude in se tonalita’ diverse da pezzi piu’ punk rock a sfuriate hardcore. Il gruppo ha avuto fin da subito una veloce evoluzione e un immediato riscontro e questo ci ha spinti a continuare e innovarci.

[Manu] Vedo i blatoidea molto piu’ maturi a livello di testi e musicalmente parlando e un progetto nato cmq da un idea gia’ chiara su quello che volevamo fare. Non discredito i diosfera dato che sono parte del mio passato e non rimpiango nulla, ma li vedo concepiti in 2 universi totalmente differenti e evoluti in realta’ totalmente diverse fra loro.

[Giacco] In questo gruppo tutto e’ stato sfornato molto rapidamente e ben fatto, perche’ eravamo ricchi di idee che avendo avuto un periodo di stasi erano state un po represse e non vedevano l’ ora di essere liberate. Per non parlare del fatto che volevamo gia’ da subito ritornare in scena e condividerle su un palco. Difatti dopo due mesi avevamo gia’ la nostra prima demo “Start an Infection” con l’aiuto del nostro primo batterista (Fabrizio) in brevissimo tempo  abbiamo gia’ iniziato a fare i nostri concerti in Italia.

577429_572392439446461_736045088_n

Perchè non avete mantenuto nemmeno un pezzo dei Diosfera con i Blatoidea?

[Manu] Fin dall’ inizio abbiamo chiarito che questo sarebbe stato totalmente un altro gruppo senza alcuna connessione e questo credo sia la ragione principale della nostra scelta.

[Giacco] Sinceramente non ne ho voglia, c’erano bei pezzi nei diosfera ma erano altri tempi, sono finiti li.

Parlateci della scelta Londinese! Come mai vi siete spostati lì e, che ne so, non a Berlino? Come sopravvivete lassù?

[Carlo] Soprattutto per il gruppo, perche’ cmq a londra c e’ molta piu’ concorrenza, ma molta piu’ possibilita’ se riesci a muoverti correttamente. Penso la nostra scelta sia stata data anche dalla facilita’ linguistica. Si lavora tutto il giorno per mantenere il gruppo, non e’ una vita facile, piena di sacrifici ma soddisfacenti.

[Giacco] Penso che non sarei mai riuscito a parlare il tedesco, non credo io sappia parlare bene inglese nemmeno. Semplicemente eravamo piu’ attratti dall’ inghilterra, non sapevamo nemmeno se sarebbe andata bene. Se non ci fosse stato lo stesso riscontro ovvio che avremmo mirato altrove.

[Manu] A parte le facilitazioni linguistiche come gia’ accennato,anche la presenza di contatti e amici. Credo volessimo piu’ che altro provare ad andare all’ estero perche’ non ci andava di stare in Italia. A Londra c’e’ molta piu’ possibilita’ per una band di muoversi e suonare in giro, quando in Sicilia per noi era molto piu’ difficile.

Com’è la scena londinese? Dicci un po’ sia di gruppi che di spazi dove suonate

[Carlo] Io preferisco sinceramente la scena italiana, dato che la vedo molto piu’ unita. La scena inglese e’ piena di pensionati, famiglie e passegini borchiati. E’ bello perche’ hai piu’ comunicazione con gruppi di livello piu’ internazionale quali, GBH, Restarts, English Dogs ecc La realta’ londinese e’ piu’ marcia rispetto quella italiana e riesci a notare la differenza con i gruppi che abbiamo conosciuto qua.

[Giacco] Direi che e’ una scena molto piu’ difficile dalla quale emergere, a noi sono serviti 4 anni. Ci sono molti piu’ gruppi che stanno li per lo stesso motivo, lo stesso pubblico e’ molto difficile da coinvolgere. E’ una citta’ piena di “dinosauri” ovvero tanti gruppi dal nome grosso che valgono nemmeno meta’ di tale ma il problema molto spesso e’ legato alla chiusura mentale della gente che non riesce a predisporsi alla novita’. Pero’ questo non toglie il fatto che abbiamo un buon riscontro.

[Manu] Ma la scena esiste, non ha nulla a che vedere con quella Italiana, ma e’ per il fatto che sono semplicemente diverse realta’. La scena musicale e’ vasta e ci sono tante band valide, il fatto che molti dei punk che vivono qui vengono da diversi paesi favorisce lo scambio culturale, e’ una gran soddisfazione vedere che l’impatto che abbiamo qui e’ sempre d’effetto.

420239_572429299442775_1319706610_n

Ogni volta che vengo a Londra mi sembra di trovare solo punk italiani che fanno cose nuove, il resto è tutta roba da bancarelle o vecchi inglesi con il mal di schiena che guardano i concerti dal bancone…mi sembra che gli inglesi abbiano quest’approccio da sopravvissuti che continuano a tingersi i capelli ricordando i tempi passati che non torneranno più…sbaglio?

[Carlo] In realta’ ci sono nuove generazioni che cominciano a darsi da fare, ovviamente londra è una citta multiculturale quindi riesci a trovare punk da tutti i paesi del mondo.Diciamo che chiunque organizza concerti non per forza italiani.

[Manu] Non c’è realmente che si sbatte di piu’ chi meno, ognuno fa quel che puo come puo. Tanti vecchi punk inglesi promuovono festival da paura, tra l altro supportano le band, come uno dei nostri promoter ha contribuito all uscita del nostro album..

[Giacco] fondamentalmente abbiamo suonato tantissime volte in inghilterra e sono capitate situazioni come intendi tu, pero’ non toglie il fatto che non apprezzino quello che facciamo. A Londra non ci stanno molti inglesi, I pochi che ci sono si danno da fare cmq.

Italiani a Londra, non vi sentite a volte di essere caduti dalla padella alla brace? In Sicilia additati per la vostra scelta di vita e il vostro aspetto e a Londra per essere degli emigrati mangiaspaghetti? C’è molto pregiudizio?

[Carlo] No.. ci prendono per il culo imitando l’ accento italiano, ma niente di piu’…l’ unica cosa che fa pensare e’ che in sicilia come in italia il punk e’ reietto e qua a volte da l’ impressione di essere fenomeni da cartolina.

[Giacco] A me fa ridere la cosa, la trovo divertente! cmq non mi sento adittato.

[Manu] A me gli spaghetti piacciono, non riesco a vedere il lato offensivo della cosa. Cmq no non c e’ affatto pregiudizio

Squat e case occupate a Londra sono sempre abbondate, per lo più come spazi abitativi. Come si è evoluta la situazione in questi anni che avete trascorso laggiù e come si sono adeguate le autorità?

[Carlo] Per quanto riguarda gli squat, molti stanno chiudendo e molti verrano chiusi per via di nuove leggi. Gli unici squat che durano sono ex pub o ex uffici.

[Giacco] Non ne so nulla, sono sincero!

[Manu] Ma io ne sono distante, a parte i posti dove suoniamo non abbiamo molto contatto. Cmq credo sinceramente che il boom degli squat a Londra sia ormai alla fine, qualcuno resiste ma le leggi sono diventate molto piu’ rigide e severe rispetto a prima, e’ molto piu’ difficile.blato3

Ho avuto il piacere di essere ospitato nelle vostre colorate dimore un paio di volte e in entrambi i casi, prima Manu poi Giacco, avete dormito per terra per offrirmi il vostro letto come giaciglio (era sempre inverno!)…siete così ospitali con tutti o è un trattamento di favore verso un vecchio amico?

[Carlo] Siamo siciliani, se noi facciamo un favore a te, tu lo fai a noi… ahahahha se si parla di amici o band lo facciamo con piacere

[Giacco] Colorate intendi di marrone? sinceramente averti lasciato il mio letto non e’ affatto di amicizia dato che il suolo e’ piu’ comodo! per gli amici questo e altro!

[Manu] Credo che ormai sia diventato di rito cederti il letto e passare la notte per terra…cmq si siamo ospitali, ma non renderlo troppo pubblico! ovviamente perche’ voi siete nostri carissimi amici lo facciamo con piacere!

Quando uscirà il prossimo disco? Che dobbiamo aspettarci? Tieni conto che io l’ho già sentito!

[Carlo] E’ uscito adesso, racchiude pezzi inediti piu’ un paio di pezzi dell’ EP precedente “Alive”.

[Giacco] E’ molto veloce con intermittenze a pezzi punk rock, puro Blatoidea Style. Spero dopo tutto il tempo che abbiamo impiegato per lavorarci su, sacrifici e denaro sara’ apprezzato!

[Manu] Credo quest’ ultimo album sia quasi una rappresentazione perfetta di quello che abbiamo vissuto da quando abbiamo iniziato la nostra vita qui a Londra, tra l’ altro tutte le canzoni sono state scritte 3 anni fa. Spero tutti riusciranno a stabilire la giusta connessione con la nostra musica e a valutarla in modo positivo! Ci aspettiamo anche una buona recensione dato che hai gia avuto l onore di sentirlo!

out-now

Che band ascoltate? Nuove e vecchie! Qualche consiglio!

[Carlo] Personalmente io perferisco band dagli 80 ai 90, cio’ non toglie che non ascolto musica degli anni 70 e anche qualcosa di recente..special duties, antidote, red flag77, vibrators, ligotage, chron gen, destructors la lista sarebbe lunghissima..

[Giacco] Questa e’ la domanda piu’ difficile che mi abbiano mai fatto: A global threat, Subhumans, Sick on the Bus, Rancid, GBH, Minor Threat, Dropkick Murphys, Cro Mags…Nowhiterag Ps. La maglietta grigia non mi piace!ahahahah

[Manu] Come gruppi Locali assolutamente: The Restarts, Short Bus Windows Lickers, Defcon Zero, Sick on the Bus, DSA, K.A.D.T…poi per il momento ascolto spesso: The Damned, GBH, The Defects, D.O.A., The Ejected, The Skeptix, Motorhead…

Sidro o birra?

[Carlo] SIDROO!

[Giacco] Guinness

[Manu] Vino poi Birra, se finisce…sidro e un imodium per il giorno dopo!

Chiudi come vuoi!

[Carlo] non posso cantare non si sente

[Giacco] Grazie per l’intervista, spero di vederti presto. La prossima volta, in bocca al lupo, ti tocchera’ dormire nel letto di Carlo!

[Manu] A presto, grazie per l’ intervista e grazie per le magliette, ovviamente abbiamo litigato per quale colore averla!

Manu, Carlo, Giacco

Nuclear Chaos Story Part.1 (2003-2005)

Nuclear Chaos Records è un’etichetta Punk, ma non solo.

Era l’estate del 2003 ed era da un po’ di tempo che sentivo sempre di più l’esigenza di allontanarmi dalle campagne modenesi, da quei posti tristi dove non succedeva mai un cazzo. Lì vicino a Bazzano c’era un folto gruppo di punk che organizzava concerti, erano stati loro a passarmi i primi dischi dei GBH e degli Exploited, giocavamo a basket insieme qualche anno prima. Ed è stato proprio a Bazzano Ribelle, una di queste feste organizzate in un campetto sportivo (che in seguito occuparono e autogestirono per qualche tempo), che conobbi Marco, era di Casalecchio, cantava in un gruppo di ragazzi giovanissimi come me, gli Ed. Dopo quel concerto ci siam tenuti sempre più in contatto fino a decidere insieme di creare un’etichetta. Non so di preciso a chi sia venuta l’idea del nome. Credo fosse stato durante un viaggio in treno, stavamo andando a vedere i Poison Idea al 4Fun a Bellaria. Ricordo solo che qualcuno propose Rovina, qualcun’altro NuclearChaos. Facciamo una compilation, facciamo le toppe, facciamo uscire i dischi dei nostri gruppi e quelli dei nostri amici. Bella storia, partiamo dalla compilation, eravamo io, Gabri e Marco. Io avevo già diversi contatti, ero piccino e non avevo girato molto l’italia ma era almeno un’anno che scambiavo cd masterizzati e ordinavo fanzine su internet. Così nel giro di poche settimane io avevo già disegnato il logo della distro e raccolto decine di pezzi per la compilation. L’idea era quella di non fare una compilation di genere, non ce ne fregava un cazzo del genere, bastava fossero gruppi autoprodotti. Vennero fuori 2 CD, 29 gruppi (!!!) tra cui: sumo, contrasto, l’amico di martucci, ed, free apn combo, hobophobic, same direction, grandine, ingiuria, cimex, twine baskets, nowhiterag, carogna, fct, disprezzo, born sick…”C’è chi di indifferenza muore” lo decisi io, lo presi da “Sezionati Vivi” dei Wretched.  Vado da Kava alla sua tipografia a Modena, ci stampa le copertine e comincia a spargere la voce tra i punk di Modena che sta uscendo questa compilation. Non ricordo bene cosa successe in seguito, mi ricordo tutto come una grande sbronza…mi ricordo bene la passione con cui abbiamo passato intere giornate a piegare le copertine, scambiarle, venderle anche a scuola e un anno dopo avevamo messo insieme una distro di tutto rispetto con un sacco di roba, fanzine, 7″, cd, vinili…Le prime uscite in cdr datate 2003/2005 furono:

  • V/A C’è chi di indifferenza muore Vol.1 (2CD, 29 gruppi)
  • Ed “Possibilità deviate”
  • NoWhiteRag “Fucking Noise”
  • Esclusi “Attanagliati”

[…continua]

Up the punx